Autonomia porto Savona-Vado: le ragioni della comunità savonese

il 4 luglio 2015 | in Archivio, Blog | da Anna Giacobbe

Stampa post Stampa post

Da un anno a questa parte la comunità savonese si è sforzata di mettere in evidenza la valenza del proprio scalo e l’esigenza di mantenere un forte rapporto tra il governo del porto e la nostra comunità: per questo abbiamo rivendicato l’autonomia di Savona-Vado, in un quadro di coordinamento e integrazione dei porti liguri.

- Per Savona – Vado, è essenziale che sia completato il piano di investimenti previsto, per mettere in condizioni in nostro scalo di essere pienamente operativo, comprese tutte le opere necessarie per evitare l’impatto negativo del passaggio delle merci dalle banchine alla rete ferroviaria e viaria e per renderlo efficiente.

- Nelle nuove ipotesi di governace non è chiaro quale ruolo avranno gli enti locali e le forze sociali del lavoro e dell’impresa. I porti, in Liguria e a Savona-Vado in particolare, sono “dentro le città”. I rappresentati dei territori devono avere voce in capitolo

- Una quota della ricchezza generata dalle attività portuali deve tornare alle comunità locali, per creare lavoro e per armonizzare la presenza di quelle attività con il tessuto urbano.

- Il tema del lavoro portuale deve essere affrontato in modo innovativo, non scaricando sul lavoro gli effetti della variabilità dei cicli di lavoro, avendo attenzione alla sicurezza, allargando la tutela dei lavoratori che operano nell’insieme del sistema logistico.

- Se la logica del Governo è valorizzare i porti “core”, in una logica di sistema logistico, il porto di Savona- Vado può contare su un interporto riconosciuto come nodo centrale della rete transeuropea di trasporto, un “interporto core”.

 Vedremo le carte; ma a sentire le anticipazioni sul Piano presentato ieri in Consiglio dei Ministri, pare proprio che queste ragioni non siano state tenute in considerazione. Questo è profondamente sbagliato

 

la nota del Consiglio dei Ministri del 3 luglio 2015

PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA


« »

Scroll to top