Bonus 18enni, approvato l’emendamento per ampliare le opportunità

il 24 novembre 2016 | in Archivio, Blog | da Anna Giacobbe

Stampa post Stampa post

Con l’emendamento a mia prima firma approvato questa mattina in Commissione Bilancio i diciottenni potranno spendere il contributo di 500 euro che è stato loro destinato, non solo per acquistare prodotti culturali, ma anche per partecipare a occasioni di produzione di cultura, in corsi di teatro e di musica, oltre che per imparare una lingua straniera: una partecipazione più attiva e una gamma di opportunità più ampia, dunque.

Il Parlamento, lo scorso dicembre aveva deciso di assegnare ai ragazzi e alle ragazze che diventano maggiorenni un contributo di 500 euro, conosciuto come “bonus diciottenni”, da spendere in cultura e informazione (cinema, concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti, parchi naturali ed aree archeologiche, spettacoli teatrali e danza). Il contributo era destinato a chi compie 18 anni nel 2016. Con la legge di Bilancio che stiamo discutendo incutesti giorni alla Camera è stato deciso di assegnare questo contributo anche a chi compirà 18 anni nel 2017.

Occorre seguire una procedura con la quale ci si iscrive  al “Sistema Pubblico di Identità Digitale” (SPID): per i nati nel 1998, intanto, c’è tempo sino al 31 gennaio per registrarsi e si possono spendere i 500 euro sino al 31 dicembre 2017.

E’ un contributo messo a disposizione direttamente dei ragazzi e elle ragazze, uno loro dote: per questo non ci sono distinzioni di reddito

E’ importante che tutti i diciottenni siano in grado di spendere i 500 euro e di spenderli bene, non solo chi ha già in casa tanti libri o dischi, o che al teatro o nei musei ci andrebbe comunque.

 

Testo dell’emendamento

 

Al comma 1, primo periodo, dopo le parole: anno 2017 inserire le seguenti: , i quali possono utilizzare la Carta elettronica anche per l’acquisto di corsi di musica, di teatro o di lingua straniera.

Conseguentemente, al secondo periodo, sostituire le parole: Restano fermi i relativi criteri e le relative modalità attuative disciplinati con le seguenti: Entro trenta giorni dall’entrata in vigore delle presente legge sono apportate le necessarie modificazioni al regolamento di attuazione emanato.

82. 8.Giacobbe, Carocci.


« »

Scroll to top