Esodati e la “sesta salvaguardia”

il 9 settembre 2014 | in Archivio, Blog | da Anna Giacobbe

Stampa post Stampa post

Oggi gli esodati hanno manifestato a Roma: attendono che le norme per la “sesta salvaguardia” (possibilità per ulteriori 32.100 persone senza lavoro – per un totale di 170.200 – di andare in pensione con le regole “ante Fornero”) siano approvate anche dal Senato e che si faccia chiarezza su quali ulteriori misure saranno previste (a partire dalla legge di stabilità) per tutti coloro che hanno perso il lavoro già nel 2011, con accordi che li avrebbero portati a pensione e che sono stati colpiti dalla modifica drastica dei requisiti pensionistici prevista dalla cosiddetta “legge Fornero”.
Con altri colleghi deputati e senatori liguri, abbiamo incontrato gli esodati liguri presenti all’iniziativa. Abbiamo confermato la nostra attenzione a questo problema ed il nostro impegno a mantenere un collegamento stabile tra parlamentari e rappresentanti degli esodati in Liguria: un appuntamento è già previsto per il prossimo 29 settembre.
Presso il gruppo Pd della Camera si è svolto poi un incontro, al quale hanno partecipato il presidente del gruppo Roberto Speranza, Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro e Luisa Gnecchi, capogruppo Pd in Commissione Lavoro.
Il primo fondamentale obiettivo è che il testo approvato alla Camera all’inizio di luglio per la sesta salvaguardia sia approvato rapidamente anche al Senato, senza modifiche.
E poi dobbiamo realizzare finalmente la discussione che serve per decidere cosa il Pd e il Governo intendano fare sulla previdenza, per queste persone e per altri, per i lavoratori anziani e per i giovani.
E’ una delle cose importanti di cui voglio continuare ad occuparmi. Non tutti nel Pd la pensano allo stesso modo su questo punto. Anche su questo c’è da fare una battaglia: una battaglia politica, di idee. Abbiamo buone ragioni, che non stanno nelle nostre teste, ma nella condizione materiale di tante persone e in qualche ragione economica, di sostenibilità sia sociale che economica del sistema.


« »

Scroll to top