Flat Tax. Una fregatura

il 19 marzo 2019 | in Archivio, Blog | da Anna Giacobbe

Stampa post Stampa post

Dicono: servono (solo!) 12 miliardi per la “tassa piatta”, cioè per fare pagare meno tasse a chi guadagna di più (piatta vuol dire che si abbassa la tassa sui redditi alti e si lascia com’è, ben che vada, quella sui redditi bassi)
Per farlo, sento dire, si usano i 10 miliardi che ora finanziano gli “80 euro”, cioè la riduzione delle tasse per i lavoratori dipendenti che guadagnano sino a 24.000 euro all’anno.
Non solo la tassa piatta è sbagliata in sè, ma è pure un danno per chi guadagna meno: una fregatura, insomma.

PS: aver chiamato “bonus”, o “gli 80 euro di Renzi”, la riduzione di tasse per i dipendenti con stipendi medio bassi, come fosse un regalo di qualcuno a qualcun altro, è stata una sciocchezza. Si sono fatte pagare meno tasse a chi le paga sino all’ultimo centesimo, questo è stato: noi “vecchi” avremmo detto così, e sarebbe stato meglio dirla così, perché sarebbe stato vero. Ecco, ora riconosciamo a quelle persone che gli 80 euro sono i loro, e di nessun altro, e quindi guai a chi glieli tocca!
PP S: segretario Zingaretti, ti prego: l’argomento da sostenere è che la flat tax è sbagliata, non che quelli che governano sono bugiardi e non la faranno mai


« »

Scroll to top