LEGGE 194 E OBIEZIONE DI COSCIENZA

il 13 giugno 2013 | in Archivio, Blog | da Anna Giacobbe

Stampa post Stampa post

le mozioni approvate alla Camera.
Una nota di Donata Lenzi

 

Ai colleghi

sperando di esservi utile e rispondendo a molte sollecitazioni conseguenti a informazioni prive di fondamento che girano in rete chiarisco in merito alla mozione votata e a quanto accaduto.

La richiesta del governo alle forze di maggioranza era di votare in modo conforme al parere espresso dal governo stesso su mozioni profondamente riformulate e prestando attenzione solo al dispositivo. Quindi di votare favorevolemente a tutte.
A questa indicazione si è attenuta la pdl mentre la presidenza del nostro gruppo ha deciso, decisione che condivido pienamente, di astenersi su tutte dato che le premesse delle mozioni e il tono degli interventi in aula non potevano essere ignorati. Non corrisponde al vero che la mozione di sel approvata contenga limitazioni numeriche alla presenza dei medici obiettori come potete verificare dall’allegato.

Mi permetto di rimarcare che è politicamente rilevante e non è mai accaduto nella storia parlamentare che ci sia una così ampia condivisione su un tema solitamente controverso come la 194,e che un grande partito che vota compatto la sua mozione può anzi, a mio parere deve, acettare una diversa articolazione del voto in materie che attengono alla libert à di coscienza.

allego la nostra mozione finale e la mozione finale di sel e l’esito delle votazioni un

cordiale saluto a tutti.

 

Donata Lenzi
capogruppo Pd Commissione Affari Sociali

 

Testo mozione sel effettivamente messo ai voti

Testo mozione Pd messo ai voti


« »

Scroll to top