Lo Ius Soli è tutto qui, approviamola è una buona legge

il 30 ottobre 2017 | in Archivio, Blog | da Anna Giacobbe

Stampa post Stampa post

La legge sulla cittadinanza che vogliamo approvare definitivamente, detta “dello ius soli”, è rivolta a ragazzi e ragazze  nati in Italia da genitori stranieri o arrivati prima del compimento dei dodici anni di età, che:

- abbiano frequentato regolarmente, per almeno 5 anni, in Italia istituti scolastici o corsi di  formazione professionale

oppure

- abbiano almeno un genitore in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, per ottenere il quale  occorre: permesso di soggiorno in corso di validità da almeno 5 anni; aver superato un test di conoscenza della lingua italiana (livello A2); un reddito non inferiore all’importo annuale dell’assegno sociale; un alloggio idoneo, già richiesto per l’iscrizione anagrafica e per il ricongiungimento familiare; non avere precedenti penali e non costituire un pericolo per l’ordine pubblico o la sicurezza dello Stato.

Non esiste alcun automatismo, dunque, che leghi la nascita in Italia con l’acquisto della cittadinanza. Il nostro Paese è inteso non tanto come luogo di nascita ma come luogo di radicamento, di integrazione, di crescita.

Vanno a scuola con i nostri figli, con i nostri nipoti. Si sentono italiani, lo sono.

Lo “ius soli” è tutto qui

Approviamola, è una buona legge

 


« »

Scroll to top