Presentazione Rendiconto sociale 2017, dal governo nessuna chiarezza

il 5 dicembre 2018 | in Archivio, Blog | da Anna Giacobbe

Stampa post Stampa post

Il Comitato di indirizzo e Vigilanza dell’INPS rappresenta gli “azionisti” veri dell’Istituto, lavoratori e imprese.
Il suo ruolo è da tanti anni limitato e ridotto, ed è tuttora aperta la questione di come l’INPS sia governato: da un organismo “monocratico”, il suo Presidente.
Tuttavia il CIV ha realizzato, con il Rendiconto sociale 2017, presentato oggi, un lavoro molto interessante sulla quantità e qualità delle cose che l’Istituto produce, delle risorse che raccoglie e distribuisce.
Quanto all’attualità, anche in queste ore, in occasione della presentazione del Rendiconto, il sottosegretario al Lavoro Durigon, a nome del Governo, non è stato in grado di dire nulla su cosa davvero accadrà per le pensioni: “quota 100” è rimasta anche oggi una espressione vaga.
Solo un fatto è chiaro, nessun altro intervento di vera riforma della previdenza, per andare incontro a chi ha subito dalla legge Fornero i colpi più pensanti, è nelle intenzioni del Governo.
Bene che si faccia anche un avanzamento parziale, rispetto ad un sistema che ha prodotto tante difficoltà alle persone; ma non si vede alcun passo avanti, rispetto a quello che, poco o tanto, negli anni scorsi i sindacati avevano concordato con il Governo di allora, per chi è in credito più di altri: donne, giovani, lavoratori precoci, lavoratori discontinui o con mansioni gravose..
Intanto, per avere un confronto con il Governo, i Sindacati aspettano sino al 10 dicembre: certo non è credibile che possa ora avviarsi, con questa tempistica, un negoziato vero. E le cose buone, in materia di pensioni, si sono fatte sempre quando quel negoziato c’è stato, nel 2016 e prima nel 2007.
Senza tema di smentita.

 

SINTESI rendiconto sociale 2017 e approfondimenti tematici


« »

Scroll to top