Reddito di inclusione, aumentano le risorse a disposizione

il 6 novembre 2017 | in Archivio, Blog | da Anna Giacobbe

Stampa post Stampa post

Con il disegno di legge di Bilancio 2018 aumentano le risorse a disposizione; il sistema di servizi e contributi economici per il contrasto alla povertà prende forma e si rafforza

Questa mattina, insieme al gruppo Pd del Consiglio Regionale, abbiamo illustrato le politiche per il contrasto alla povertà promosse a livello nazionale e l’iniziativa del Pd  verso la Regione Liguria perché faccia quello che le compete, recuperando il ritardo e la scarsa sensibilità dimostrata dalla Giunta regionale.
E’ stata una occasione anche per illustrare le novità contenute nel disegno di Legge di Bilancio 2018, di cui è iniziato l’iter parlamentare.
Il disegno di Legge di Bilancio prevede l’incremento del Fondo per il contrasto alla povertà e l’estensione del Reddito di Inclusione, ad oggi destinato  ai nuclei familiari con figli minori o con grave disabilità, e ad una parte di quelli con disoccupati over55, con ISEE sotto i 6000 euro e reddito disponibile sotto i 3000 euro (si tratta di valori ricavati applicando il coefficienti di equivalenza, cioè dividendo il reddito della famiglia per 1,57/2.04/2,46/2,85, a seconda che i componenti siano 2, 3 4, o 5, e sottraendo l’importo di particolari spese, ad esempio l’affitto sino a 7000 euro l’anno)
A partire dal 1 gennaio 2018 il Reddito di Inclusione sarà destinato a tutti i nuclei con disoccupati ultra55enni, indipendente dalla causa dello stato di disoccupazione, e dal 1 luglio 2018 a tutti i nuclei familiari, sempre con ISEE sotto i 6000 euro e reddito disponibile sino a 3000 euro.
E’ prevista al possibilità di aumentare il contributo dei Re I per le famiglie più numerose.
Con l’incremento del Fondo previsto nel ddl di Bilancio si realizza quindi una misura di contrasto alla povertà di carattere universale, pur limitata ad una fascia di reddito definita. Vengono aumentate anche le disponibilità finanziarie per il potenziamento dei servizi degli ambiti sociali
Il ddl prevede ulteriore incrementi del Fondo a partire dal 2020 per estendere l’intervento di contrasto alla povertà secondo finalità che saranno definite nel “Piano Povertà” (innalzamento della soglia di reddito, e/o aumento del valore del contributo economico, incremento risorse per potenziamento servizi o altri interventi)
Anche le risorse per il rafforzamento dei servizi sociali dei comuni viene incrementato. E’ molto importante, perché il reddito di inclusione non è solo un contributo economico, o una misura assistenzialistica, ma ha anche una componente di servizi di supporto alle persone e alle famiglie: la deprivazione sociale si contrasta anche spingendo le famiglie a fare frequentare la scuola ai propri figli o a utilizzare correttamente i servizi sanitari, a combattere le dipendenze (pensiamo a quella da gioco patologico), ecc.
Nel complesso, con la legge di Bilancio 2018 il Fondo è incrementato di 300 milioni nel 2018, 700 nel 2019, 900 dal 2020
Questa la dotazione complessiva e la distribuzione
anno                      dotazione                            di cui
                               tot. Fondo                           per Re.I.                         per Servizi                   per
                               (milioni)                                                                                                             altre finalità
                                                                                                                                                            da Piano Povertà
2018                        2.059                                    1.762*                                297
2019                        2.545                                    2.198                                  347
2020                       2.745                                    2.158                                  352                                    235
2021                        2.745                                    2.130                                  352                                    263
e segg.
*di cui 15 milioni accantonati per chi avrà ancora diritto all’ASDI

«

Scroll to top