Rispondo al Comitato Esodati Ligure

il 24 dicembre 2014 | in Archivio, Blog | da Anna Giacobbe

Stampa post Stampa post

Vi meritate che io sia precisa con voi. Il tema quota 96 era tra le questioni che con la legge di Stabilità avrebbero potuto essere affrontate, anche se avevamo chiaro, come gruppo Pd, che il Governo non aveva deciso di risolverla in quella sede. Ed infatti non è accaduto.
Per quanto riguarda gli esodati, ripeto cose che mi avete sentito dire altre volte: non abbiamo cercato vie d’uscita con la Stabilità, non ci sarebbero state. Certo, avremmo potuto dire che sarebbero stati presentati emendamenti, ecc. ecc. e provare a fare bella figura come singoli parlamentati. Non credo sia giusto, nè corretto nei vostri confronti. Vi avremmo illuso inutilmente. La strada è quella indicata nei mesi passati: portare a termine la sesta salvaguardia, fare il punto su quanto delle risorse destinate agli esodati (gli 11,6 miliardi) rimarranno non utilizzate, e decidere come procedere oltre: se con una “settima” o diversamente. Non è ancora chiaro cosa voglia fare il governo. Noi insistiamo perchè si decida finalmente di mettere mano alle conseguenze negative della “Fornero”, con una attenzione particolare a chi è ancora classificabile come “esodato”, e non genericamente come lavoratore “anziano”, senza lavoro nè ammortizzatori, nè pensione. So bene che la situazione è ancora molto critica.
Spero di avere chiarito sia le nostre intenzioni autentiche, sia le nostre possibilità concrete.
Se possibile, vorrei augurarvi comunque un buon Natale.
Come sarà l’anno nuovo lo vedremo insieme; il mio impegno, e non solo il mio, a fare passi avanti positivi c’è, ve lo assicuro.


« »

Scroll to top