Stabilità: le misure di welfare e sanità

il 18 novembre 2015 | in Archivio, Blog | da Anna Giacobbe

Stampa post Stampa post

Ci sono capitoli della Legge di Stabilità di cui si parla molto. Altre questioni rimangono in ombra. Tra queste gli interventi sul welfare.
Veniamo da una stagione che ha visto ridurre le risorse, e l’investimento non solo economico, sulle politiche sociali; in parte per scelte politiche regressive, in parte per gli effetti di una crisi economica e finanziaria davvero pesante.
Con la Legge di Stabilità per il 2016 si avvia una inversione di tendenza, con molti limiti, ma anche indicando una direzione di marcia giusta.

Il Fondo per le non autosufficienze viene incrementato e si va ad una sua stabilizzazione per l’avvenire.
Si prevede un intervento non episodico sulla povertà, con le risorse che vengono destinate nella legge di Stabilità e con la predisposizione del piano nazionale per la lotta alla povertà. Non si tratta ancora di una misura “universale”, ma quella è la direzione nella quel si procederà. Un lavoro che impegnerà i primi mesi del prossimo anno e che coinvolgerà enti locali e associazioni.
Il fondo sanitario cresce, ma troppo poco rispetto alle esigenze. Almeno il fondo per i farmaci innovativi deve esser aggiunto alle dotazioni già decise per la sanità; va scongiurata le prospettiva che i risparmi che dovranno fare nel futuro le Regioni si scarichino su questo ambito e bisogna fare in modo che gli interventi sugli acquisti producano davvero dei risparmi, che rimarranno all’interno del sistema sanitario. Ma il Patto per la Salute va rinnovato, e usato per riorganizzare davvero il sistema, con nuovo personale anche.

La discussione è in corso; già sui contenuti della Legge di Stabilità nel percorso parlamentare, e oltre.

puoi consultare e scaricare il documento sintetico del gruppo PD alla camera qui:
infografica stabilita gruppo PD


« »

Scroll to top